Archivi tag: DIMISSIONI

Dimissioni e risoluzione consensuale: nuove modalità di comunicazione in G.U.

È stato pubblicato sulla G.U. n.7 dell’11 gennaio il decreto del Ministero del Lavoro 15 dicembre 2015, recante le nuove modalità di comunicazione delle dimissioni e della risoluzione consensuale del rapporto di lavoro, in vigore dal 12 gennaio 2016. In particolare il decreto definisce i dati contenuti nel modulo per le dimissioni e la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro e la loro revoca e gli standard e le regole tecniche per la compilazione del modulo e per la sua trasmissione al datore di lavoro e alla DTL competente, in attuazione di quanto previsto dall’art.26, co.3, D.Lgs. n.151/15.

La procedura prevede l’accesso al modello attraverso link specifici nel portale lavoro.gov.it, che a sua volta poggia sull’anagrafica delle utenze di ClicLavoro per il riconoscimento della tipologia dell’utente, e sull’autenticazione tramite il Pin Inps per il suo riconoscimento certo. Il possesso del Pin Inps non sostituisce le credenziali ClicLavoro, ma si aggiunge, allo scopo di conferire un maggior livello di sicurezza al riconoscimento.

Non è necessario possedere l’utenza ClicLavoro e il Pin Inps nel caso in cui la trasmissione del modulo venga eseguita tramite un soggetto abilitato.

Dimissioni volontarie e risoluzione consensuale dopo il D.Lgs. n.151/15

L’art.26 del decreto Semplificazioni ha riformato la modalità di effettuazione delle dimissioni e la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro.

Al di fuori delle ipotesi delle dimissioni sospensivamente condizionate alla convalida presso la DTL, le dimissioni e la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro saranno da effettuarsi, a pena di inefficacia, esclusivamente con modalità telematiche su appositi moduli resi disponibili dal Ministero del Lavoro attraverso il sito www.lavoro.gov.it e trasmessi al datore di lavoro e alla DTL competente con le modalità individuate con apposito decreto che dovrà essere emanato entro 90 giorni dall’entrata in vigore del D.Lgs. n.151/15 e che dovrà stabilire contenuti, modalità di trasmissione e standard tecnici utili a definire la data certa di trasmissione. Dal 60° giorno successivo all’entrata in vigore del suddetto decreto si applicheranno le nuove disposizioni.

Entro 7 giorni dalla trasmissione del modulo, il lavoratore potrà revocare le dimissioni e la risoluzione consensuale con le stesse modalità.

La trasmissione dei moduli potrà avvenire anche tramite patronati, OO.SS., Enti bilaterali e commissioni di certificazione.

Le disposizioni non si applicano al lavoro domestico e nel caso di dimissioni o risoluzione consensuale intervenute in sede protetta (art.2113, co.4, cod.civ.) o avanti le commissioni di certificazione (art.76, D.Lgs. n.276/03).

Salvo che il fatto costituisca reato, il datore di lavoro che alteri i moduli è punito con la sanzione amministrativa da € 5.000,00 a € 30.000,00; accertamento e irrogazione della sanzione sono di competenza delle DTL e si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni della L. n.689/81.

STUDIO LEGALE PISTONE CLICCA QUI